Assistenza protesica

Cos'è l'assistenza protesica erogata dall'INAIL?

L’assistenza protesica dell’INAIL è una prestazioni socio-sanitaria che ha come scopo il massimo recupero dell’integrità psico-fisica della persona infortunata sul lavoro o tecnopatica (affetta da malattia di origine professionale), nonché il tempestivo reinserimento nella vita di relazione, familiare, sociale e lavorativa

Quali sono i requisiti per ottenere l'assistenza protesica?

Il requisito principale per ottenere l’assistenza protesica è il riconoscimento delle menomazioni psico-fisiche a chi si è infortunato sul lavoro o ha contratto una malattia di origine professionale, a prescindere se destinatario di prestazioni economiche erogate dall’INAIL.
Infortunati/tecnopatici durante il periodo di inabilità temporanea assoluta qualora sia necessaria l’erogazione di dispositivi tecnici aventi finalità curativa.

In cosa consiste l'assistenza protesica?

L’assistenza protesica consiste in una fornitura di dispositivi tecnici come protesi, ortesi e altri ausili che possono essere realizzati su misura o di serie:

  • compresi nel Nomenclatore Tariffario;
  • non compresi nel Nomenclatore Tariffario, dispositivi a tecnologia avanzata, dispositivi per l’esercizio di una disciplina sportiva, ecc.

Ricordiamo che il Il Nomenclatore Tariffario è il documento emanato e periodicamente aggiornato dal Ministero della Salute che stabilisce la tipologia e le modalità di fornitura di protesi e ausili a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

Fornitura dei dispositivi protesici

Per la fornitura dei dispositivi protesici gli infortunati/tecnopatici possono rivolgersi a:

Dopo la fornitura, il dispositivo tecnico deve essere collaudato dal Dirigente medico, per valutarne la congruenza clinica e la rispondenza alla prescrizione.

Manutenzione, riparazione e sostituzione dei dispositivi protesici

A seguito di prescrizione medica, l’INAIL provvede anche alla manutenzione, alla riparazione e al rinnovo dei dispositivi. Mentre la manutenzione ordinaria, le piccole riparazioni necessarie a conservare in buone condizioni i dispositivi tecnici e il rifornimento periodico di quanto necessario al loro funzionamento sono a carico degli infortunati/tecnopatici.
Le riparazioni dei dispositivi sono a totale carico della Sede INAIL territorialmente competente.

Rinnovo dei dispositivi protesici

Per rinnovare i dispositivi protesici è necessario che ci sia una richiesta:

  1. da parte del Dirigente medico che li ha prescritti;
  2. da parte degli aventi diritto (infortunati sul lavoro e tecnopatici).

Il rinnovo è possibile nei seguenti casi:

  • il dispositivo protesico non è più utilizzabile ma ancora necessario;
  • è trascorso il termine minimo di rinnovo indicato dall’INAIL e il Dirigente medico rileva l’inidoneità del dispositivo. Detto termine può essere anticipato per mutate condizioni di ambiente, di lavoro o dello stato psico-fisico degli infortunati/tecnopatici;
  • economicamente conviene sostituirlo piuttosto che ripararlo.

Come fare la domanda per ottenere l'assistenza protesica

La domanda per l’assistenza protesica può essere avanzata:

  • dall’interessato al Dirigente medico della sede INAIL competente;
  • il Dirigente medico della Sede competente, durante la visita medica può, prescrivere se lo ritiene necessario, un dispositivo tecnico. Lo stesso potrà richiedere un’idonea consulenza specialistica.

A seguito di prescrizioni, la fornitura di dispositivi tecnici deve essere autorizzati dall’area amministrativa INAIL competente.

Per i contenuti originali: “Guida alle prestazioni INAIL – 2018“.

Per maggiori info, cerca la sede INPAS più vicina a TE...Qui!
Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti gratis alla newsletter QUI!

Le altre prestazioni sanitarie e socio-sanitarie erogate dall'INAIL

[catlist id=1338 numberposts=25 orderby=date order=DESC - date=yes excerpt=no "]